Alexanderplatz ridiviene simbolo della rivolta

L’anno 2021 è stato giudicato con largo anticipo nero. E’ partito dichiaratamente all’insegna delle difficoltà economiche appesantite dalla pandemia, ragion per cui saremo costretti a prendere delle decisioni, personali e collettive che potrebbero scatenare nuovi e devastanti conflitti. La peste da Covid19 ha disegnato uno scenario ideale per la classe eletta dell’economia globale, secondo laContinua a leggere “Alexanderplatz ridiviene simbolo della rivolta”

Essere donna nel tempo della pandemia

Si continua a definire le donne l’“ultimo bastione” nella lotta per la sopravvivenza contro il Covid19. La loro importanza e la loro funzione dovrebbero quindi essere considerate all’interno di questo contesto, riqualificando il loro lavoro con una remunerazione adeguata. Dopotutto il Covid19 ha evidenziato che, la maggior parte di coloro che sono in prima lineaContinua a leggere “Essere donna nel tempo della pandemia”

I tedeschi i conti dei morti da Coronavirus li fanno a occhio

BERLINO – Sembra incredibile, ma l’efficientismo tedesco che in tutta l’Europa incute un timore reverenziale al quale si aggiunge spesso anche un penoso senso di inferiorità , si dissolve nella grandissima parte dei loro ospedali stravolti dalla pandemia. Ne è un esempio il conteggio – dal lunedì al venerdì – dei malati, dei ricoverati in terapiaContinua a leggere “I tedeschi i conti dei morti da Coronavirus li fanno a occhio”

E’ guerra di religione nel Nagorno Karabakh

Ufficialmente è dal 1992, che i musulmani azeri e i cristiani armeni si stanno combattendo per il governo del Nagorno-Karabakh, una regione del Caucaso meridionale che si trova all’interno dell’Azerbaigian ma che si è autoproclamata indipendente circa trent’’anni fa, abitata prevalentemente dagli armeni, teatro di conflitti da quando si sciolse la federazione transcaucasica nata dopoContinua a leggere “E’ guerra di religione nel Nagorno Karabakh”

Crisi da Covid19, le prime vittime sono i giovani

 Non è fantapolitica. Ci sono tre miliardi miliardi di persone a casa in attesa della ripresa; si rianimano i flussi finanziari destinati a cambiare il destino di milioni di vite umane e a sfruttare, come sempre, quella che Naomi Klein definiva una “shock economy”. Interi settori sono al palo come il turismo, lo spettacolo, la cultura e tutteContinua a leggere “Crisi da Covid19, le prime vittime sono i giovani”

Boris Pasternak, un rivoluzionario molto particolare

Nell’èra di WhatsApp e di TikTok le Russie dei Pasternak sono scivolate in fondo al cassetto. A nulla vale che Leonid Osipovich, il padre dell’autore del “dottor Živago”, fosse un grande ritrattista. Il suo studio era diventato un crocevia per gli intellettuali negli anni a cavallo della Rivoluzione. In quell’ atmosfera il figlio Boris maturòContinua a leggere “Boris Pasternak, un rivoluzionario molto particolare”